Back to News

COS’È L’ECONOMIA CIRCOLARE?

tree canopy for sustainability

Come esseri umani, tendiamo a pensare ai rifiuti come un inevitabile sottoprodotto del fare affari e vivere le nostre vite sul pianeta Terra. Non così in un’economia circolare…

Cos’è l’economia circolare?

Un’economia circolare è un’economia in cui non ci sono sprechi.

Le economie tradizionali sono lineari, con materiali presi dalla Terra, trasformati in prodotti, e quei prodotti alla fine gettati via.

In un’economia circolare, il concetto di rifiuto è stato progettato, con materiali riutilizzati più e più volte in un ciclo continuo.

In questo modo, le economie circolari mettono meno a dura prova le persone e il pianeta, rendendoli più sostenibili rispetto ai loro equivalenti lineari.

L’economia circolare spiegata:

Di fronte alla crisi climatica  e alla diffusa perdita di biodiversità, sta diventando evidente che lo spreco non è un male necessario ma nasce come risultato di scelte che facciamo, nella nostra vita personale e con la nostra attività.

Miriamo a incoraggiare la società a muoversi verso opzioni più sostenibili all’interno delle loro scelte di vita per il bene del nostro ambiente, e le aziende hanno un’enorme influenza sul comportamento delle persone.

Possiamo progettarlo fuori dal sistema. Dobbiamo solo imparare come.

È qui che entra in gioco l’economia circolare.

Un’economia circolare si basa su tre principi che sono intrecciati in tutta la progettazione dei prodotti. Questi sono:

  • Eliminare gli sprechi e l’inquinamento;
  • Circolazione di prodotti e materiali al loro massimo valore; e
  • Natura rigenerante.

Eliminare gli sprechi e l’inquinamento

Anche nel 2022, molti dei prodotti sul mercato non hanno un percorso di proseguimento per impedire che vengano inviati in discarica o inceneriti dopo l’uso. Non possono essere riutilizzati, riciclati  o compostati e sono effettivamente progettati per essere usa e getta.

Trattando i rifiuti come un difetto di progettazione, l’economia circolare richiede che i materiali rientrino nell’economia al termine del loro utilizzo, sia mantenuti, condivisi, riutilizzati, riparati, rinnovati, rigenerati o, come ultima risorsa, riciclati. Il materiale organico può essere trasformato in nutrienti preziosi attraverso processi biologici come il compostaggio e la digestione anaerobica e utilizzato per aiutare a rigenerare la terra per coltivare più cibo o materiali rinnovabili come cotone e legno.

Far circolare prodotti e materiali al loro massimo valore

Mantenere i materiali in uso – sia come prodotto o, quando non possono più essere utilizzati, come componenti o materie prime – garantisce che i materiali finiti siano mantenuti nell’economia e fuori dall’ambiente, oltre a mantenere il valore dei prodotti e dei materiali con cui sono fatti.

Il modo più efficace per mantenere il valore dei prodotti è mantenerli integri. Ciò potrebbe comportare la concessione agli utenti dell’accesso a un prodotto anziché il loro possesso, il riutilizzo attraverso la rivendita o cicli di manutenzione, riparazione  e ricondizionamento.

Quando un prodotto stesso non può più essere utilizzato, i suoi componenti possono essere rigenerati o scomposti nei loro materiali costitutivi e riciclati.

I prodotti circolari sono progettati pensando a questi processi e realizzati con materiali facili da separare. Ad esempio, mobili in legno facili da mantenere e riparare, facili da smontare, realizzati con componenti modulari che possono essere sostituiti e utilizzano colle e vernici biodegradabili.

Scopri di più sul design circolare.

Natura rigenerante

Un’economia circolare va oltrela semplice concentrazione sul fare meno danni all’ambiente, ma agisce invece per migliorarlo attivamente.

Spostare l’attenzione dall’estrazione delle materie prime al riutilizzo e alla rigenerazione supporta i processi naturali della Terra e lascia più spazio alla natura per prosperare.

Il ritorno di materiali biologici alla terra ricostruisce terreni sani che assorbono piuttosto che rilasciare carbonio e sono meglio in grado di assorbire e trattenere l’acqua, riducendo il rischio di inondazioni e l’impatto della siccità. Le colture possono essere coltivate senza l’uso di pesticidi e fertilizzanti sintetici e utilizzando meno acqua e combustibili fossili.

Un minor numero di input sintetici riduce significativamente le emissioni di gas serra e consente agli impollinatori e ai microbi nel suolo di prosperare che, insieme a pratiche di produzione alimentare rigenerativa come l’agroforestazione (crescita di alberi intorno o tra colture o pascoli), l’agroecologia (ripristino del controllo delle catene alimentari alle comunità di produttori locali) e l’agricoltura conservativa aiuta a ripristinare gli ecosistemi naturali e aumenta la biodiversità.

Inoltre, mantenendo prodotti e materiali in uso, è necessaria meno terra per l’approvvigionamento e la coltivazione di materie prime vergini, il che significa che più può essere restituito alla natura attraverso il rewilding.

“Non ci sono rifiuti in natura. Quando una foglia cade da un albero alimenta la foresta. Per miliardi di anni, i sistemi naturali si sono rigenerati. I rifiuti sono un’invenzione umana”.

LA FONDAZIONE ELLEN MACARTHUR

Perché è importante un’economia circolare?

Le economie circolari fanno bene alle imprese, alle persone e all’ambiente. Sono resilienti, grazie alla loro attenzione alla transizione verso energie e materiali rinnovabili piuttosto che fare affidamento sul consumo di risorse limitate. Sostengono inoltre le comunità di produttori locali, contribuendo ad affrontare le disuguaglianze sociali e costruire una società globale migliore.

“L’economia circolare ci offre gli strumenti per affrontare insieme i cambiamenti climatici e la perdita di biodiversità, affrontando al contempo importanti esigenze sociali. Ci dà il potere di far crescere la prosperità, i posti di lavoro e la resilienza, riducendo al contempo le emissioni di gas serra, i rifiuti e l’inquinamento”.

LA FONDAZIONE ELLEN MACARTHUR

In che modo le imprese possono sostenere un’economia circolare?

In un’economia circolare, tutti lavorano insieme per beneficiare l’uno dell’altro e del pianeta. Progettare il nostro attuale sistema take-make-waste richiede il contributo di imprese, governi, autorità di regolamentazione, enti di beneficenza, innovatori, leader di pensiero e singoli cittadini per affrontare le domande chiave: “Come gestiamo le risorse?” “Come realizziamo e utilizziamo i prodotti?” e “Cosa facciamo con i materiali dopo?”

Come dice il proverbio: il viaggio più lungo inizia con un solo passo. In questo caso, questo è il desiderio di cambiare.

Se tutti vogliamo che il cambiamento avvenga, e siamo disposti a lavorare insieme per raggiungerlo, possiamo rendere il pianeta un posto migliore in cui vivere, dove tutti possono prosperare.

Scopri come aderire all’economia circolare: risorse gratuite della Ellen MacArthur Foundation.

I materiali di imballaggio sostenibili,  i pallet, i cuscinetti a strati, le casse di spedizione, gli inserti protettivi  personalizzati, il  riempimento dei vuoti e le nostre  soluzioni di stoccaggio per magazzini, tra cui le scaffalature e i contenitori di stoccaggio PIX  e PIX®® SLOTS,  sono realizzati con carta riciclata e colla PVA biodegradabile.  Sscelte utilizzabili per le imprese che lavorano verso  un’economia circolare. Per saperne di più su come le nostre soluzioni di imballaggio e uno qualsiasi dei nostri prodotti, chiamaci.

WE HELP COMPANIES IMPROVE THEIR PICK EFFICIENCES, REDUCE WALK SEQUENCES AND INCREASE THEIR ROI. LET’S TALK TO SEE HOW WE CAN SUPPORT YOUR BUSINESS.

Ultime notizie

Iscriviti per ricevere aggiornamenti sulle nostre ultime novità

Utilizzeremo il tuo indirizzo e-mail solo per fornire aggiornamenti sulle nostre ultime notizie e non inonderemo la tua casella di posta.

Newsletter Sign up